Il sorriso

Decorazione della Cappella Sansevero, Napoli
Decorazione della Cappella Sansevero, Napoli

Ci sono paesi in cui se camminando per strada incroci lo sguardo di una persona e sorridi questa a sua volta sorride per salutarti.
E’ un semplice fatto di buona educazione, laddove la gentilezza è ancora un valore sociale.
In Italia, soprattutto al nord, se incrociando qualcuno gli sorridi questo risponde con uno sguardo insospettito, come per dire Chissà questo cosa vuole da me.
E’ un meccanismo che in qualche modo ci condiziona tutti.
Ci sono tante persone che potrei definire “vecchi amici” che mi piacerebbe risentire, ma non oso, e non si tratta di semplice orgoglio – o meglio qui l’orgoglio prende un’altra forma.
Non è perchè credo che dovrebbero essere loro a farsi avanti, ma perchè temo che se lo facessi io la prenderebbero così, Chissà questa cosa vuole da me.
Molto spesso le persone che non vediamo da molto tempo continuano ad avere di noi l’immagine con cui ci hanno conosciuti, e non desiderano confrontarsi con il passato – il nostro, il loro – nè realizzare se e quanto siamo/sono cambiati.
Preferiscono tenersi a distanza, anche affettuosamente, ma a debita distanza – come per tenersi a distanza dai debiti -loro/nostri/karmici e quant’altro.
Ogni tanto provo a rompere il silenzio. Mando un messaggio.
A volte arriva la grazia del respiro che ci dona un semplice sorriso ricambiato, a volte la sensazione viscida di una falsa cortesia, a volte il silenzio.
A volte è inevitabile finire per essere la cattiva coscienza di qualcun altro.
E credo che in fondo la paura di essere rifiutati è soltanto un’altra forma di orgoglio – in senso tecnico, Ego.
Cercando una Via d’Uscita fra la paura e l’orgoglio, cerco di esprimere quello che penso e di condividere quello che ho realizzato.
Stavo per scrivere “e i progetti che vorrei realizzare” ed ho subito pensato Ahi, adesso crederanno che vorrei coinvolgerli in qualche situazione.
Ma sarebbe male?
E cosa sarebbe meglio, cercare di coinvolgere altri in qualcosa che si crede positivo o cercare di fare a meno degli altri?
Come sempre mi accade, credo siano giuste entrambe le ipotesi.
Inizio col condividere queste riflessioni.  E sperimentare il plugin dei sondaggi!

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...