Sesso ed Evoluzione

Embrace LifeL’energia sessuale tra salute, erotismo, spiritualità

Dagli sforzi per trovare i partners migliori ai sacrifici per assicurare alla prole il migliore futuro, la spinta biologica alla riproduzione permea ogni aspetto della vita di un essere, dallo sviluppo alla morte, ed è così forte che riesce a mettere in secondo piano persino l’istinto di conservazione personale.

In altre parole, il sesso è una chiave fondamentale per muovere tutte le risorse del nostro essere, dalla più elementare energia fisiologica alle più elevate aspirazioni spirituali.

Per questo motivo il controllo della spinta riproduttiva è un essenziale strumento di potere, in tutti i possibili sensi, sia individuale che sociale.

Le tradizioni culturali hanno gli approcci più diversi alla vita sessuale, da chi la reprime nel modo più integrale a chi ne fa strumento essenziale nella pratica spirituale, come nel Tantra esoterico.

Nell’antico Taoismo religioso, che è la fonte della Medicina Tradizionale Cinese, il sesso è visto come naturale congiunzione dei principi opposti, e come tale indispensabile alla vita : l’Unione dei Soffi della coppia di Maestri è un rituale complesso ed elaborato che serve a nutrire e sostenere l’armonia delle forze di tutta la comunità.

La cultura taoista ha quindi profondo rispetto ed estremo interesse per tutti gli aspetti della sessualità, dai meccanismi fisiologici degli organi riproduttivi alla Ierogamia Alchemica, perchè l’equilibrio degli opposti YinYang va ricercato e coltivato in ogni aspetto dell’esistenza.

Come sempre, il vero problema non è la conoscenza delle specifiche tecniche.

Il vero problema è la formazione culturale di chi si avvicina a queste pratiche, la sua mentalità. Ed il problema riguarda tutti, tanto gli antichi orientali quanto gli occidentali di oggi: i primi hanno avuto il Confucianesimo che ha sostituito all’armonia degli opposti la gerarchia dei principi, i secondi ormai hanno avuto di tutto.

Ai pregiudizi culturali e ai tabù religiosi si è poi aggiunto l’uso commerciale delle immagini sessuali, che unisce la sovrastimolazione della sola vista all’imposizione di modelli estetici irraggiungibili perchè sempre più lontani dalla realtà e dalla vita.

Così com’è vero che la spinta riproduttiva è la fonte di energia più potente che abbiamo, è anche vero che tutte le insicurezze e i disagi della vita quotidiana non fanno che riversarsi nella nostra vita sessuale: viviamo male il nostro corpo, viviamo peggio il rapporto col corpo degli altri, abbiamo una visione così distorta delle polarità che arriviamo a negarci il piacere nell’illusione di poter avere un controllo sull’altro.

In altre parole, abbiamo perso il senso della naturalezza degli istinti. Per questo non facciamo che oscillare tra repressione e trasgressione, alimentando frustrazioni e sensi di colpa.

Gli antichi testi insistono sull’importanza di un approccio puro alle tecniche sessuali: è fondamentale non fraintendere questo termine. Puro qui significa non contaminato dai Tre Veleni dell’esistenza condizionata: attaccamento, avversione, opacità. Attaccamento è il voler possedere quello che ci piace, avversione il respingere quello che non ci piace, l’opacità è il non essere capaci di entrare in relazione con l’oggetto.

Se ci si avvicina all’Alchimia Sessuale, senza aver prima disciplinato questi impulsi, la pratica non farà altro che fomentarli fino a renderli ingovernabili. Ciò significa anche che qualsiasi pratica meditativa od energetica che non tenga conto dei meccanismi legati alle pulsioni fondamentali non fa che potenziare ed esasperare la scissione tra mente e corpo.

Tutte le nostre ansie e i nostri desideri si riflettono nel nostro corpo e spesso prendono voce attraverso difficoltà nella vita sessuale. Se vogliamo poterla guarire, viverla pienamente, integrarla nella nostra vita spirituale, prima di affrontare le tecniche specifiche abbiamo bisogno di alleggerirci dai nostri fardelli culturali, di riscoprire la bellezza e il piacere naturale del semplice essere vivi qui adesso e in questo corpo, dobbiamo ritornare a comprendere le radici biologiche dei nostri istinti.

Allo stesso modo, dobbiamo scoprire il piacere spirituale che sorge spontaneo quando ci si alleggerisce dal condizionamento dei Tre Veleni: attraverso i diversi stadi della pratica tantrica possiamo sperimentare l’autentica natura della mente, che è chiarezza illimitata, e spazio aperto alle infinite possibilità della manifestazione.

Attraverso questo percorso è la nostra stessa natura a diventare la fonte più autentica di benessere e bellezza, la radice della nostra evoluzione spirituale.

Conoscendo ed accettando i nostri istinti fondamentali ed i nostri meccanismi mentali per quello che sono, possiamo andare oltre le false opposizioni di repressione/trasgressione, mente/corpo, spirito/materia, vita/morte, fino a raggiungere una riconciliazione profonda con la nostra Natura Ultima.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...